Passa ai contenuti principali

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio



Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci che fuggono da guerre e situazioni criminali determinate dall'Occidente. Si deve scegliere e si deve scegliere il meglio. Il medico, il professionista, chiunque possa essere utile ad una società borghese. Il resto, può anche crepare ed essere imprigionato tra la Grecia e la Turchia. quando va bene, in Italia nei così detti sistemi di accoglienza chiusi e recintati, quando va ancora meglio, o semplicemente morire. Con la complicità dei media che non devono turbare il sonno dei poveri europei. Sta tornando un nuovo nazismo dal volto sorridente, in giacca e cravatta? Sì. Vi è quello estremo, da piazza da un lato, e quello più moderato ma sistemico, dall'altro. Ma i nemici sono sempre gli stessi. Dai barboni o Rom ecc, repressi tramite la formula del decoro urbano, ai migranti del Sud del mondo. I principi della Rivoluzione francese sono diventati letteralmente carta straccia. E quando si lotta per l'affermazione di uguaglianza, contro il sistema criminale, il tutto viene censurato, perché non si deve sapere che in Francia, ad esempio, si lotta ad oltranza da mesi e che i francesi si augurano di non finire come noi italiani. E non è uno scherzo.  Lo si sapeva che questi migranti sarebbero partiti ancora una volta dalla Libia e che avrebbero perso la vita. Ma questo sacrificio era necessario. La chiamano ora la strage dei bambini, che a dire il vero non emoziona più, si è talmente abituati che non si prova più alcun tipo di sentimento. Nella società della violenza fatta passare come una cosa assolutamente ordinaria e normale. Non emoziona od indigna più la morte. Ma devono edificare il finto stato di emotività per legittimare quello che stanno cercando di fare da mesi. Andare in quel Paese chiamato Libia. Nella società nazista gli uomini e le donne diverse dalla razza ariana non contavano nulla. Quanti esperimenti sono stati fatti nei confronti dei diversi? dei disabili? Quanti ne hanno ammazzati prima di arrivare all'Olocausto? Alla morte ed al fatto che la vita diversa dall'Occidentale non conta nulla, è un qualcosa di quasi innato in buona parte dell'Occidente. Che si indigna tanto per le svastiche, ma poi nella realtà si comporta peggio dei nazisti perché ci siamo smarriti nella retorica dell'antinazismo senza accorgerci che questo stava riaffiorando in modo diverso. Stiamo vivendo un nuovo nazismo e questo nazismo si sta scagliando contro gli ultimi, per ora, i migranti, quelli non qualificati, quelli che non sono stati selezionati, quelli che possono morire ovunque perché tanto sono solo un peso per una Europa che invecchia sempre di più in un contesto mondiale di sovrappopolazione e con il Sud del Mondo che esercita pressione per venire qui nel ricco continente. E questa gente andrà spazzata via. Il sogno europeo noi non lo abbiamo creato volutamente. Perché non possiamo permetterci di essere "invasi" da neri, da mussulmani, da diversi, diversi da noi e per questo possono anche morire, perché tanto, non dovranno e non potranno mai essere come noi. Oggi esiste solo l'incubo europeo e noi ci siamo in mezzo. 
Marco Barone  

Commenti

  1. E' vero quello che c' è scritto nell' articolo. A mio modo di vedere non poteva essere altrimenti perchè siamo TUTTI molto egoisti e non vogliamo dividere con nessuno le nostre agiatezze; beninteso ottenute con lotte e batoste ma pur sempre non condivisibili.
    Questo è la realtà dell' UNIONE EUROPEA fondata solo sui mercati, finanza, banche ecc. Nulla di più.

    RispondiElimina
  2. Excellent post. I was checking constantly this weblog and I'm
    impressed! Very helpful information specially the
    remaining phase :) I handle such information much.

    I used to be seeking this certain information for a long time.
    Thank you and best of luck.

    RispondiElimina
  3. It's going to be ending of mine day, but before end I am reading this fantastic paragraph to increase my experience.

    RispondiElimina
  4. great submit, very informative. I'm wondering why the opposite specialists of this sector do not realize this.
    You should continue your writing. I am sure, you've a great readers' base
    already!

    RispondiElimina
  5. Because the admin of this web page is working, no question very rapidly it will be renowned, due
    to its feature contents.

    RispondiElimina
  6. Appreciation to my father who told me on the topic of this web site, this
    weblog is actually amazing.

    RispondiElimina
  7. CUANDO TENGA LOS RESULTADOS LOS COMUNICARÉ.

    RispondiElimina
  8. I gotta favorite this internet site it seems handy handy.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …